meet
 
       
 
 
  Mostra:    Storia  |  Strategia  |  Top Management
   
  La Lux Vide è una società leader nel produzione di fiction in Europa. Fondata nel 1992 da Ettore Bernabei insieme ad un gruppo di imprenditori italiani, Lux Vide nasce con lo scopo di produrre programmi televisivi di alto valore artistico e culturale, destinati ad un pubblico familiare.

L’azienda si fa subito conoscere in tutto il mondo per il progetto BIBBIA: 21 prime serate televisive prodotte fra il 1994 e il 2002 per Rai Uno e vendute in 140 paesi. La miniserie “Joseph” ha vinto il prestigioso Emmy Award, l’Oscar della Tv americana, mentre “Jesus”, co-prodotta con la CBS, ha ottenuto un rating di 25 milioni di spettatori negli Stati Uniti, oltre ad una seconda nomination agli Emmy.

Dopo il progetto BIBBIA, Lux Vide si è impegnata nella realizzazione di miniserie evento sui grandi personaggi del Novecento. Il primo episodio, “Papa Giovanni”, trasmesso da Rai Uno nell’aprile 2002, ha ottenuto lo share record del 52% . Nel 2003 è l’anno del grande successo di “Madre Teresa”, seguito da un ciclo di fiction per Rai 1 dedicato alle storie dei santi. Dopo “Padre Pio”, “Don Bosco” e “Chiara e Francesco”, l'ultima miniserie è stata dedicata a San Filippo Neri, intepretato da Gigi Proietti nel 2010.

Con questi progetti la Lux Vide è riuscita nell’impresa di divulgare le radici cristiane attraverso il medium televisivo, coniugando le ambizioni artistiche con il favore del grande pubblico.

Nel 2005 è stata la volta di “Giovanni Paolo II”, con Jon Voight (nominato miglior attore agli Emmy Awards) e nel 2009 di “Paolo VI - Un Papa nella tempesta”. La miniserie sulla vita di Karol Wojtyla è stata vista da 13 milioni di spettatori ed è stata co-prodotta con il supporto della CBS e della TVP polacca.

La Lux Vide ha sempre cercato di orientare le sue scelte produttive verso il mercato internazionale, coinvolgendo partner di alto profilo in Europa e negli Stati Uniti. Nel 2007 viene realizzata “Guerra e Pace” (in quattro puntate) dal romanzo immortale di Tolstoj. Un’impresa titanica - 7 paesi coproduttori- con un investimento economico senza precedenti nel panorama televisivo europeo. Le ultime coproduzioni di successo sono state “Coco Chanel”, “Pinocchio”, "Sotto il cielo di Roma", "Cenerentola" e "Maria di Nazareth".

Per “Coco Chanel” la Lux Vide ha ottenuto la nomination come miglior miniserie e miglior attrice (Shirley MacLaine) agli Emmy Awards 2009 ed una nomination ai Golden Globe nello stesso anno.

Accanto alla storia contemporanea, Lux Vide ha voluto far rivivere anche il passato più lontano. Il progetto IMPERIUM è una collana di miniserie dal respiro internazionale (tra i protagonisti: Omar Sharif, Peter O’Toole e Charlotte Rampling) che racconta la grandezza ed il declino dell’antica Roma. “Augusto”, Nerone”, “San Pietro” e “Pompei” sono gli emozionati capitoli di un percorso conclusosi con il successo televisivo di “Sant’Agostino” nel 2010.

Ma Lux Vide è anche leader nella lunga e media serialità di casa nostra. La serie di punta è “Don Matteo”, ormai un classico della televisione italiana arrivato alla ottava stagione, altri successi sono state le serie di "Che Dio ci aiuti" con Elena Sofia Ricci e "Un passo dal cielo", ambientato negli scenari spettacolari del Sud Tirolo. Fra le miniserie ricordiamo le biografie dedicate a Antonio Meucci, Edda Ciano ed Enrico Mattei.

Ad oggi Lux Vide ha prodotto film per un totale di quasi 600 ore di programmazione televisiva di alta qualità per il prime-time.
   
 
 
meet
 
 
         
  Pinocchio   Luxvide on Youtube