Manca poco all’arrivo dei corridori della quarta tappa del Giro d’Italia, Orbetello – Frascati, quando tra stupore e incredulità il primo a superare la linea del traguardo è stato Don Matteo. Incursione con effetto sorpresa di Terence Hill, nei panni del celebre parroco-investigatore, che in sella alla sua iconica bicicletta ha percorso il tratto finale del rettilineo d’arrivo salutando i fan assiepati a bordo strada. 

Mi sto allenando per le salite e le discese di Spoleto”, ha dichiarato Terence Hill ai cronisti Rai, invitando gli spettatori a seguire la nuova stagione della fiction, attesa prossimamente su Rai 1: “Ci vediamo a gennaio!”. 

Sono infatti iniziate da poco le riprese per la dodicesima stazione della serie tv prodotta da Lux Vide in collaborazione con Rai Fiction. L’operazione è diventata da subito un successo virale, con la diffusione nel web e sui social network delle immagini di Don Matteo sul traguardo del Giro, una nuova conferma dell’affetto che il grande pubblico ancora conserva per lo storico personaggio della nostra televisione.

Le riprese della 12ᵃ stagione in programma nella città del Festival dal prossimo maggio

La dodicesima stagione di Don Matteo è pronta a tornare nella meravigliosa Spoleto. Le riprese della dodicesima stagione di Don Matteo, la popolare serie tv con Terence Hill e Nino Frassica, si terranno nella città del Festival a partire dal prossimo maggio.
La conferma è arrivata direttamente dalla casa di produzione Lux Vide, che ha confermato la volontà di “ambientare le vicende dei protagonisti nella città di Spoleto”. Il piano di lavorazione relativo alle riprese prevede un primo blocco nel periodo maggio-giugno 2019.
Un legame ormai consolidato, quello tra Don Matteo e Spoleto, che la stessa Lux Vide ha voluto sottolineare nella lettera di conferma, ricordando come “la troupe e il cast si sentono ormai parte integrata e non meri ospiti”.
“Ringraziamo la Lux Vide per aver confermato la fiducia e l’apprezzamento nei confronti della nostra città – ha dichiarato il Sindaco Umberto de Augustinis – Si tratta di un rapporto che consideriamo importante per Spoleto e che la città nel suo insieme ha avuto modo di consolidare negli anni. Come amministrazione confermiamo, come fatto in altre occasioni, la nostra volontà di proseguire questo percorso di collaborazione con Matilde e Luca Bernabei”.
La popolare fiction in onda su RAI UNO, prodotta dalla Lux Vide, che ha come protagonista Terence Hill nel ruolo del prete-detective, è stata girata per la prima volta a Spoleto dal maggio al novembre 2013 ed è andata in onda dal gennaio all’aprile del 2014.
L’undicesima stagione di Don Matteo, la terza consecutiva con location Spoleto, è stata girata da maggio-giugno 2017 (primo blocco di riprese) fino a novembre-dicembre (terzo e ultimo blocco) dello stesso anno, per 12 settimane non consecutive di riprese. La stagione di Don Matteo 11, composta da 25 episodi raccolti in 14 puntate, è andata in onda dall'11 gennaio al 19 aprile 2018 su Rai 1.

Diffuse le prime immagini ufficiali di Diavoli, la nuova serie originale Sky, basata sull’omonimo best seller di Guido Maria Brera.

Oltre a Patrick Dempsey, nel ruolo di Dominic Morgan, CEO della London Investment Bank e Alessandro Borghi, lo spregiudicato Head of Trading Massimo Ruggero, vengono annunciati due nuovi e interpreti della serie: Kasia Smutniak (Loro, Made in Italy, Perfetti Sconosciuti, In Treatment) che sarà Nina Morgan, e Lars Mikkelsen (The Killing, Sherlock, House of Cards) nel ruolo di Daniel Duval, il carismatico leader di un’organizzazione internazionale che pubblica informazioni segrete di ambito finanziario.

È ufficiale: le riprese della quinta stagione di Che Dio Ci Aiuti sono cominciate!
Tenetevi pronti e rimanete incollati alle nostre pagine perché continueremo a darvi aggiornamenti dal set!

Anche le riprese della quinta stagione di Un Passo Dal Cielo sono terminate: la troupe, dopo 4 mesi di lavoro, lascerà i magnifici luoghi che fanno da sfondo ad una delle serie più amate della tv, le Dolomiti.

Presto le riprese si sposteranno nei teatri di posa, dove verranno completate tutte le scene previste al chiuso.